1.3.2007

Omicidi Tumino-Spampinato: Fera Agostino indagato dalla Procura della Repubblica di Messina, per "favoreggiamento personale" ed "abuso d'ufficio"

La Procura Generale della Repubblica di Catania, con provvedimenti del 3.11.2006 e del 22.11.2006, dichiarava "inammissibile, allo stato", l'istanza popolare di avocazione e riapertura delle indagini dell'omicidio ad opera di autori ignoti dell'Ing.Angelo Tumino, avanzata ai sensi dell'art. 372 c.p.p., e trasmetteva gli atti al procuratore della Repubblica di Ragusa a norma dell'art.414 c.p.p., che ne dichiarava il non luogo a provvedere, autoassolvendosi, dal momento in cui ne fu proprio l'allora p.m. Fera Agostino il titolare delle prime indagini, che spaziarono in ogni direzione, tranne che in quella indicata dal Giornalista Giovanni Spampinato, dalle dichiarazioni di vari cittadini e dal M.llo Leone.

Conseguentemente i fatti venivano denunziati alla Procura della Repubblica di Messina che dopo una prima comunicazione fatta all'avv. Spadaro "La sua denuncia del 1°dicembre 2006 è stata, allo stato, iscritta al Registro Mod.45 in attesa dell'esito dei già disposti accertamenti, la cui valutazione consentirà l'adozione dei provvedimenti conseguenziali.", avrebbe attivato nei confronti di Fera Agostino il Procedimento Penale n.242/07 R.G.N.R., per i reati di cui agli artt.378 (favoreggiamento personale) e 323 c.p.(abuso d'ufficio), ma non anche, come richiesto di "concorso morale nell'omicidio del Giornalista Giovanni Spampinato" (art.575 c.p.), assassinato dal figlio dell'allora presidente del tribunale di Ragusa, Roberto Campria, proprio quando lo Spampinato stava per svelare l'autore ed il movente dell'assassinio dell'Ing. Angelo Tumino, a tutt'oggi ignoti nell'ufficialità degli atti.

Fera Agostino, oltre che per i reati suddetti è altresì indagato dal Tribunale di Messina nei sottoelencati procedimenti penali in cui l'Avv. Biagio Spadaro è Parte Offesa, come attestato da recente dalla Segreteria Registri Generali Penali della Procura della Repubblica di Messina:

-*Procedimento Penale n.124/06 R.G.N.R. mod.21,che porta unito il proc. n.1185/2006 R.G.N.R mod.21ed il proc. n.2874/2006 R.G. mod.45, per i reati di cui  agli artt. 595 C.P., 13 L.47/48 (diffamazione), 368(calunnia) C.P.; in Messina il 3/01/06; 595 C.P.; 368(calunnia) C.P.; in S. Croce Camerina il 5/04/05. Il 24/11/06 opposizione alla richiesta di archiviazione.In attesa di fissazione di camera di consiglio da parte del G.I.P.

-*Procedimento penale n. 3889/06 R.G.N.R., mod.21, per il reato di cui all’art. 323 C.P.(abuso d'ufficio) in Messina il 16/06/06. Il 22/06/06 atti al GIP con richiesta di archiviazione;

-*Procedimento Penale n. 7144/06 R.G.N.R. mod.21, per il reato di cui all’art. 323 C.P.(abuso d'ufficio) in Messina l’8/11/06. Trovasi nella fase delle indagini preliminari;

-*Procedimento penale n. 306/07 R.G.N.R., mod.21, per i reati di cui agl iartt. 368 (calunnia), 323 C.P.(abuso d'ufficio), 595 (diffamazione aggravata) in S. Croce Camerina il 29/11/06. Trovasi nella fase delle indagini preliminari.”

Biagio Spadaro

Telefax: 0932-820060  —  cell.338.8388966 — posta elettronica:  passanitello@giustiziaesfatta.com