24.9.2007

 
 

Sentenza di non luogo a procedere nei confronti di Biagio Spadaro

Il giudice presso il tribunale di Reggio Calabria Tommasina Cotroneo, accogliendo le richieste del p.m. e dell'avv. del Fera Carmelo Di Paola, con sentenza n.1081 del 20 sett. 2007 ha stabilito non doversi procedere nei confronti di Spadaro Biagio ai sensi dell'art.129 c.p.p., in merito al procedimento penale n.608/98 R.G.N.R. per il reato di cui all'art.368 c.p. in danno di Fera Agostino. Il procedimento per cui il p.m. reggino Alessandra Provazza aveva richiesto l'archiviazione sia a carico degli indagati Fera, Zumbo, Romano, Mauro e complici..., che delle parti offese Spadaro-Giannone, si era ritorto solamente contro lo Spadaro che si era opposto, grazie ad una serie di anomalie già illustrate in questo dominio.
Almeno per il momento, cala così il sipario reggino su una vicenda lunga 15 anni, che ha visto contrapposti, nelle vesti, il direttore del Carcere di Ragusa e Cons. Prov. Dott. Biagio Spadaro ed il procuratore della Repubblica di Ragusa Dott. Agostino Fera. Accolta dal giudice la richiesta dello Spadaro in atti, trasmessagli per fax il 19 sett.2007 che così conclude: "Pertanto, fatta salva la prescrizione del reato di cui sono ingiustamente imputato, emersa, per quanto riferitomi, nella scorsa udienza, voglia la s.v. assolvermi pienamente e trasmettere gli atti al p.m. per l'accertamento di tutto quanto da me denunziato ed in atti a carico del Fera e complici in ordine ai reati di associazione per delinquere di stampo mafioso e di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione di atti giudiziari ed alla calunnia in mio danno, mai acclaratamente accertati da codesto tribunale, come emerso in dibattimento." Il giudice, riservandosi 90 giorni per il deposito della sentenza, ha disposto di "restiruire gli atti al p.m. per il di più a praticarsi." L'Avvocato Gaetano Sano, di fiducia dello Spadaro, ne aveva chiesto l'assoluzione o perchè il fatto non sussiste o perchè il fatto non costituisce reato e, solo in subordine, per prescrizione dello stesso.

Gino Spadaro

 

Telefax: 0932-820060  —  cell.338.8388966 — posta elettronica:  passanitello@giustiziaesfatta.com