5.8.2007

Per Luciano Mirone il caso Tumino-Spampinato non è chiuso

data:image/jpeg;base64,/9j/4AAQSkZJRgABAQAAAQABAAD/2wCEAAkGBwgHBgkIBwgKCgkLDRYPDQwMDRsUFRAWIB0iIiAdHx8kKDQsJCYxJx8fLT0tMTU3Ojo6Iys/RD84QzQ5OjcBCgoKDQwNGg8PGjclHyU3Nzc3Nzc3Nzc3Nzc3Nzc3Nzc3Nzc3Nzc3Nzc3Nzc3Nzc3Nzc3Nzc3Nzc3Nzc3Nzc3N//AABEIAIgAlQMBIgACEQEDEQH/xAAcAAAABwEBAAAAAAAAAAAAAAAAAQMEBQYHAgj/xAA+EAACAQMCBQEGBAQEBQUBAAABAgMABBEFIQYSMUFREwciMmFxgRQjkaFCUrHBFTPR4SRDYnLwgpKisvEX/8QAFAEBAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAP/EABQRAQAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAD/2gAMAwEAAhEDEQA/AL1nbNFmiA2o8UBE0WaBFF0FAM0hdXVvaQST3MyxxIMszHYUc8qQxtLIcKgycVivHHFM2saoIYbpBaxLhRDzHc9eoGWHn9KCz637TCrlNHsiUH/OnHX6L2+9VC/4z1y5mVxdrnIwsTOBjxjPXyai7Szkup44YebLnG5OTVpi4Bu5YvVVlUkYCkdaBjpPFVxY3/41riWRn/gOyA4xg/7jt1qcPtAv7eBPRghu7oEmYv7vUnACjsAQKizwDqUSEIzgAYGR3qKl0C+tnbnWXnGxJJoNR4W4oTV1aC65UvFY7IpCEfU9+tWMb71kHDlzcaZcK94hZEbmMoU+6MeB16mtcikEkCSLnldQwyMbGg7J3xUJx0yxcOXPhgF/eptVywqse0uXl0Er0zIgoMh19h6FhED8COfpljUdYhvxcJV0RlYMGk+EY33p7xBgXFuo7W6/uSaS0OBLjVLaOZOeNnwy+dqCV1YjVJopZb61LqTk+oN9/rVg4Mixr8k6NFIBG2ORwei1H3PCmo3cY1XTdLJ023P5sygKopbhuZLTUr+UtycyFUJx/wCdKCo6lK5v5yHO7k7GjpzJZzXFzM6RErzbHFCg9HJeWsnwXUDD5Sg0qHjbo6n6MK84i0tbfSQZ4pjfNLz84bCogG6nwTnP2pm0syiMiScDqQJCcfWg9N7HpQKnHSvNL6hfhhIJ7qBMAe7M+M/rSsOu6lHHmPVtQVubp67HAx9fNBpHtY4jmtFj0SweRJ51EkrqeU8udhn7f7+cvggDbRuVx3Hf+1cte3F7etcXl1LLM23qOeY4/wDypjREV3RioRB3Db/p3oLfwBpStfpLPChxjBHY1p6W6L8I97zVe4UiSKNTyKuR361b4YhgY3zQICPAwRnzTeaxt5FKyQgg1MRW/OcdKXGnnlzjrQVObSYFiPoxL+m9MbPnt7lraYkxtvHzdj4q4zW3ITtUTf2aOObGHU5BHmgbxHckgjBqk+1SYjR4Rndpxt9AaSv/AGkxadqVzY3ejTLJDIUJWcYOO/Tvsaq3GXGNpxBBBDBazW3psW5nIbO3agrfEHKt/wAnUiCIf/EZpThJA/EFoGyBznp9DXGvgzX73Ce9G6pyH5coFLcLzLbawjsjM5Vkj5evMVIH9aC56txhqej8Jvw7Alu0Fz6sTPuXUOSWGQcb5rn2cWbzzPAuZHABZlwV5e9SGraZwpP7NH1GS9Q60inEQm99JebHKU6jbv8AeozgW9gsUEsMhkLKPWBwMHwP9aC43ujW9jcvF+GhZScq6xq3MPNHUHda16khZQepABPNgdhRUGXm8uVgKmbZzkkjfIom1O5CKisiqDn3Vxk+TTVn58BmY4G2d8UXueT+lA8m1OedQswRh8lpM3LCBocLgnoB/vSJ5C2zco+lGrgYGQcHuKDq0P5hGcZUgmrbpLBlMrgRquyRKMFm/wCojfOO3zqN4b4T1LiNbiewECQxNgvK5QE9cDY9qmZdK1LR3Ftfwsjhcp1bmQ+D0x8h96C2aBqXLLHHsWX4uUjGfArStImaaJWZcLWa+z60Mly5mkyeYEqCMD9K1e2iCLleg6UEraRKqbEMCe1Ksjfwk/Sotr9LM8zP/wCnuai9W4wW1hd7O3eRlGcHYUErfxup5sgjPSoq6XKk000TX7vWChkjjAO/uHOBTHjY3QtrqG3MsUaRGV5I15mCjrgeaDH/AGt2Zt+KRNj3LiBXBz1IyD/QVT3nDJgopbmBzjp8qn+LWupxZB3lmVozIjSLhsE43H2qvrG5ySjZHyoJC3m/GW7WiKAVPPGoGN+9TnBGlQXs17HcQySTp/lGMZKHyN+tQFnFLFKkqwkcpGB3Y1d01Cz4R01b6CWT/ErxyyQIeUejyjOW6g526dKCrapp0Gk3CM59dXY7zKc7ecGpZeKdWsdBbTrOO29K+HK6RxAtt89zUPrOsHiO7tIIbcW/v8g5pObJYgbnAq3W/Beo2/D0muW+o2iS6bM0RiKseZsgfFQNLLR4P8D024NnHJcXCO0xkkZTkOVxjI8UKktNtL7WtNtmutQZWhUqPTA3ySxJ+5NCgyqhQoUAox1oqFBv/siihm4AtxEo9QXjrLjqcsMftirZxDpVjdiWCZcqyEKw2ZT8j5+lY/7FNfGn6vLptzMFhu+X0gxwPVUkj9RkfcVvVxEtwfyYueZPfU7ec7/egzzRSljqLW7KFdJeUhe4xsT52q9wygqq561Xb+wjk1BLwEpIMB1A7qakUlAKjvQPL+yMuduUEbN8RFV3UtAju9OurC7kM7XGAHRjGY8HsKulrKrR8j9+hrnUIYbaL1GI5sZoIDRdHGl2kMIxzIM+6MU51yMvFFLG7Kze6xUkHH2pRLp7jKg8gB3Vhg09ubeM2HqA5PN8Xigw72yWEcEGmXduOXlLwsRtnv8A61l/qP8AzN+tbT7afSl4dhYYLLcKyn6gisWVSzAAEknAAoJfhyL8VqSm8nljsYAZrpwx2jXqPqdgPrSXEmsS67rV1qUsaRes3uRIMLGgGFUfQAU91cNo2kx6M0fJdTMLi9LR4dDj3IjnfYHmI8sPFV89aA0ZlYMpIIOQR2rV9Eur7/8AlM0U3JLDLel3kkk98ZGdvJz2+tZNWg6Zr0acGaLpoguy1jqRu5AqLySr4B5uoGe3ig64a1WG0hkhdvdAXlOTv1oVH+0LV24i1hLyzguYYfTwqTsgPXPYmjoKXQoUKAUKFTfDnDV7rzyPAPTtYf8ANnYe6vy+Z+VBEQu6OpRipyMH51uHsx401uaIwaiiXkMZC+sTyydO/n61AWXAOlWsJupXubgrGSA5AUnHUAD+9d+zxltruezPuszcw+vcf+eKDRLnUVu7645YjEOce6TntSgfDIR5qJ1BHtLtLn/lv8VO4Zg/K4YEZoJ+K4JZEA60jqF4jXKpPLiNDnHn5nwKbrIRIh3x8qk9P5ULN/ExznvQRuoS2VxA0kU7+ry4DrCx3+vSoeG+vHAs4bqaaIL76uuP3NWu8j50/KC5PX3RUDeZtlkmlb4FJ+EDAFBnHtrmW2h0vTAfzMGVwPkMD+p/SqNw1/wjXGqTj/h7aMrg4/MdhhUBIOPOewFOOINRu+MuJjLbQM80xWGCNTkkZwv65pbjeSxsZLbh3Sd4dNBW5m6fiLk/GxHgfCPpQVy8uZry4kuLqV5ZpG5nkdslj8zSFChQCr/wlw7r97Y2D6dqj2sNy0nKCh5V5RnzjsaoNbv7N3At+H7ZMACwnmZGbmBJ2z8tqDM+ItV1/SdRNlcamJWRQQyKpBz9qOmvtAkWTiq8KqqgEDCjahQVyu443kdUjRmdjhVUZJ+1aLw37Lbm4VbjXpjbR9RbxEGQj5noK0LSdA0PRApsNPhSVRj1SvM//uO9BlnDvs31bUnjk1FPwNqd2L/5hHyXt961q20i0sdKj0yzi9O3UY5R1O+ST5Jp890CPywB86TtmZ5Tmg6NtCsYX08jGMdsVnurafJpGrGe2DBIyCPPL2+vj9M9a0oqSCCT0qF4ksXnsvWhUSNGPzIj/GvyPYjz8yOhoHOkX1trumFSB6qgFlz+4qOmtJ7OQmI8yZ+HxVW0q+l0m/Sa3cchOV5h1HcH+/zrRYHg1S1W9tDuRyvGTujdxigjra/EiAdGH2p5b62sUwW4HKPPakJ9PickqMN3xUTfs9kvvR+qD0BoLoup23pF0YZ+tQOp30V36emqwlnuAfUUH4U7k46bVmPEOo3r301orLCsUIlKwErnfdSfkN9sdK0vQbSyOmwXWnwrE08aszD4m27nqaCH0zgfR9L1BrzTxNbXQRlhbn5hCWGOZc9xk4zVV1D2TzczNY6srknpcRkfuCf6VqWQ2VcYNcMjAbE4oMK1PgHiHT1LtZC5QblrZuf9uv7VWpI3jcrIjKw6hhgivSpLA71A8V8LWfEdmytGsd4in0ZlABB8HyKDBhW3+zeeOWa1T0cS2mkESFXJ5w5G++wx02rE5YngkeKVSsiMVZT2I6its4BhWy1GSL0mQroytNzAhuZiOlBk3Frq/EV8UBC+psD16UKR4iYPrt8wzgzN1NCg9Al5HJ5yT5FdAZFOGQTLkbOOgFcFOX3j0oOVx3pSAhZEPkkfsa5ZfdzSLs6RkxYMi7rzdPpQSgwY8ijAHIfntTDT7oSg5yp6lD1FP0OV5sjftQZ/xJpD2N+5VMWc7ZikHSN/5W8A0fDmrXGmXnJsSDytG/RwP4T/AGNXLWbMXti8ZO43AxkN5BHg/t1G9Z/qUIjhZwxJReud2XsM+Rkb9/vgBpxudP1Gwa4tGAY7FSPeQ/Oq5eIu8pLSv0V27fQVVfxmoWssd1prG6jkKpLsFKHOMEdh/wB2APJ61ddEk/xeTNxa+hJbkepHnY+CPlsaDMNUiMXEk5lPwzLGx8AqAfsQWq98BXDLo4tJT+ZaylCD2HWqhxK8NzxLdBVYRvMq+6Mk4IB/bNXHQLB9OtyZTzXEzF5T3JyTv896CxykORgZOM5okbbem0b8rE9PlSrOOv8AQUBuuTvXAUrkjr2pYEMox4rj+IUGJe0/TfwfE7zRjEd4olH/AHdG/cZ+9aJwhfGTVNYuR6jSQaXBDzkZz8s/bGPFQPtcsZpYNMvI4i8ULskhHbmK4z+lWrgaRJhxFNDaCOPMEYTmzy/l+TQYdr5U6zeFc4Mp69c96KkdSJbUbonqZn/qaFB6UtrqGVz6bAnuD1FO/TV1I297f70xNmkpBfdh0kXZh+ldRzS2p9O696POBKP7/wCtB2ylMqRTZgCW7U/Q+rzKcc69/wCYeabXEODmgStrc4V3VdjlcjrUh2FNASpX+RtgfBpdX2FArvWf65CNL4gZZ0Z9PKCeNT8IIYkoPkcn9RWgKfNQ3FVjFdaaXljV1h94568vfB80FBuYryC3nkgUrLBcMp5SVlAyQMH9B9qmOBtdn9DU/wAZNzGKJCnqbb5I3x13IpsZHk1K5M8mTNy5OMq/MMqw8Z3P1ppbQqpZy5ReX80r3OTgD65oHWgJC3Eqy7PjY8494tuScdBv27ZFXd1zMR2qg2srR6laywR8sccoRwvRQfPk/wBKv0hw6tnr1oOlHKMED5HvXYUMD4G9GwBXNHEOufGKA4ztiusb0muQ+KXbAHy70DDUrGDULSa1uB+S8eGPg1GcAQmx0PiQkHa+ZBzHJ91RU1OTMQBsuf1pusX+H6Lqwjz+ZK8xbH8y/wC1B5wnf1JpH/mYn96FcGhQenYmPXAA/wCk045o5l9NmHMeqkYoUKBlIrWcyMf8onAz/D8vpUk6rLFkb7UKFA1twGV4ZBtXXLysyvuw/f50KFB0DRyRrLC0bjKsMH6UKFBQ9egEE4ZEAWK4dGwMZ3WRf/s9R0kQfVZLdpDGo94uRnbbIGO+CT9jQoUBWLLZLMOXZBznO+SNmq927fiLGJ/lmhQoHETZUClI91ZvJoUKDlRmSlpl5o8eaFCgRkPIMK65+dVjj3UdTsNF5rC4iW33F0rpzHB2UjxucUKFBhRoUKFB/9k=

Luciano Mirone

Si trascrive di seguito articolo di Luciano Mirone dal titolo "Spampinato, il caso non è chiuso", pubblicato sul settimanale " d i a r i o " del 27.7.2007, facendo presente che il giornalista scrittore se ne era già occupato nel romanzo "Gli insabbiati". "Storie di giornalisti uccisi dalla mafia e sepolti dall'indifferenza" edito nel 1999 da Castelvecchi, in cui ha ricostruito i casi di otto colleghi uccisi (o scomparsi misteriosamente in Sicilia) per mano mafiosa. Una ricerca condotta non solo sulle cronache giornalistiche, ma sulle testimonianze dirette e su decine di migliaia di pagine di atti processuali, da cui emergono inspiegabili "distrazioni" e "dimenticanze" di inquirenti e testimoni, e in cui la ricerca della verità si impantana nelle sabbie mobili di una cultura lenta, silenziosa, implacabile. Dai grandi casi di Mauro De Mauro e Giuseppe Fava ai casi di eroici cronisti di provincia come Giovanni Spampinato, Cosimo di Cristina e Giuseppe Impastato.

Spampinato, il caso non è chiuso

Era un cronista dell'<<Ora>>, aveva capito molto di eversione nera, venne ucciso nel 1972. La commisione antimafia vuole leggere le carte che riguardano il ruolo del procuratore della repubblica di Ragusa.

Il delitto di un giornalista siciliano che indagava sulle stragi neofasciste e sull'eversione nera riaffiora dopo 35 anni di silenzi e ripiomba nella sonnacchiosa Ragusa dove l'attuale procuratore della Repubblica, Agostino Fera (allora giovane sostituto), potrebbe dover dar conto alla Commisione parlamentare antimafia delle presunte omissioni compiute dopo la morte del cronista, avvenuta il 27 ottobre 1972. Il presidente dell'Antimafia, Francesco Forgione, ha dichiarato recentemente che intende visionare il fasciolo che riguada l'omicidio del cronista ragusano, attualmente nelle mani dei magistrati della procura della Repubblica di Messina dove Fera è sotto inchiesta per abuso d'ufficio e favoreggiamento personale nei confronti dell'assassino. Un'inchiesta scaturita da un esposto di 90 pagine inviato da 46 cittadini ragusani, avvocati, professionisti, imprenditori, studenti che chiedono che la vicenda non finisca nel silenzio.

Un premio alla memoria.

Quella del giornalista Giovanni Spampinato, ucciso a 25 anni (recentemente insignito alla memoria del premio Saint Vincent di giornalismo), è una storia bella e terribile che ripropone il rapporto fra libera informazione e potere, una storia fatta di reticenze e di depistaggi, di menzogne e di coperture ad alto livello. Specie se si pensa che a commettere il delitto non fu una persona qualunque, ma Roberto Capria, il figlio del presidente del Tribunale di Ragusa, di pochi anni più grande, una passione smodata per le armi, all'epoca fortemente sospettato dagli inquirenti di essere stato l'autore di un altro omicidio commesso pochi mesi prima, quello dell'antiquario fascista Angelo Tumino, col quale lui stesso era in ottimi rapporti per via del comune interesse per gli oggetti antichi e per la politica di destra. Giovanni Spampinato ebbe la <<colpa>> di essere stato l'unico giornalista locale a svelare sul quotidiano L'Ora di Palermo che il figlio del magistrato era indiziato di quel delitto. Lo fece attraverso le fonti ufficiali e i documenti ufficiali. E questo non gli fu perdonato da una parte della Ragusa-bene che puntò il dito contro quel giornalisa <<invidioso e comunista>> che con i suoi articoli voleva fare la lotta di classe. Poi Roberto Campria convocò una conferenza stampa a casa sua, dove invitò anche il cronista de L'Ora, e spiegò la sua versione dei fatti. Spampinato chiarì di non nutrire alcun pregiudizio nei suoi confronti e il giorno dopo L'Ora pubblicò in bella evidenza l'autodifesa di Campria. Allora tutto sembrò appianarsi fra i due. Ma solo apparentemente. In effetti il giornalista, pur prendendo atto della difesa di Campria, non si accontentò della versione ufficiale e continuò a indagare. Andò in contrada Ciarberi-dove il cadavere di Tumino era stato ritrovato-per intervistare i contadini e tutti confermarono ciò che avevano dichiarato agli investigatori: che nelle ore precedenti al delitto, la vittima era accompagnata da un giovane dalle fatezze fisiche e somatiche che corrispondevano perfettamente a quelle di Roberto Campria, il qale cotinuava a negare. Il figlio del presidente del Tribunale intuì che il giornalista si stava spingendo oltre e cominciò a cercarlo ossessivamente, a fargli domande, <<come se>>, confidava Giovanni alle persone più intime, <<volesse estorcermi qualcosa>>. A questo punto la storia potrebbe essere inquadrata come un ordinario fatto di cronaca nera. Ma non è cosi. Almeno secondo uno dei più autorevoli magistrati siciliani del tempo, il pubblico ministero Tommaso Auletta, che nel processo di secondo grado contraddisse la ricostruzione fatta dai colleghi e inserì questa vicenda in un contesto politico in cui la commistione fra il neofascismo locale, il commercio di materiale di antiquariato e il contrabbando (di droga e di sigarette) erano legati da un invisibile filo nero.

<<Nelle acque siciliane>>, scriveva Giovanni, <<si svolge un intenso contrabbando. Le navi si dice che sbarchino anche carichi di armi. Sembra che tali sbarchi siano avvenuti un po' dappertutto nella costa, mentre si sa che nel ragusano esponenti fascisti invitano i loro camerati ad acquistare le pistole del loro traffico.>> Il filo nero dell'eversione, secondo Spampinato, aveva un preciso collegamento: le stragi fasciste, il colpo di Stato dei colonnelli greci, il golpe Borghese, la rivolta dei <<boia chi molla>> di Reggio Calabria, il neofascismo in Sicilia. <<Quello che è legittimo chiedersi>>, scriveva ancora Spampinato, <<è chi avrebbe eseguito in periferia il disegno eversivo, chi ha collaborato nell'elaborazione e nell'esecuzione dei piani>>. E giù una sfilza di nomi del neofascismo siciliano. <<Le navi vengono dalla Grecia e i "sigarettari" sono in genere uomini di estrema destra. Gli utili sono ingentissimi e rappresentano un ottima fonte di finanziamento. Non ci sarebbe meraviglia se si scoprisse che sono implicati gli amici dei colonnelli.>>. <<Da Siracusa parte una forte corrente di materiale archeologico di contrabbando>>. <<I contatti fra Siracusa e la Grecia sno frequentissimi, auspice il neofascista Mario Merlino>>.

Il secondo scoop.

Non ci volle molto a Giovanni, nella Sicilia dei quegli anni, per farsi la fama di visionario. Neppure quando, nei giorni convulsi del delitto Tumino, fece un altro incredibile scoop, che L'Ora pubblicò in prima pagina a caratteri cubitali: <<Delle Chiaie a Ragusa>>. <<Si tratta di un ampio giro>>, scriveva Spampinato, <<che il latitante fascista (allora ricercato per la strage di piazza Fontana, ndr) ha potuto compiere indisturbato in diverse città del Mezzogiorno, fra cui Cosenza e Reggio Calabria>>. E poi: <<La Sicilia sudorientale gioca un ruolo non secondario nella strategia della tensione>>. Pochi giorni dopo, in una lettera infuocata inviata alla Federazione provinciale del Partito Comunista Italiano (cui Spampinato si era iscritto da poco), il giornalista denunciava di essere pedinato dalla polizia e di avere il telefono sotto controllo: <<Ciò potrebbe significare che si stia costruendo non so quale provocazione sulla mia persona, dato che negli ultimi tempi sono venuto a conoscenza di fatti gravi>>. Qualche settimana dopo, Roberto Campria gli diede un appuntamento e lo uccise. Ufficialemente perché era stato <<provocato>> dagli articoli sul delitto Tumino. Sostanzialmente per situazioni inconfessate ma tenute sapientemente nascoste.

Dopo l'omicidio del giornalista, il padre di Roberto Campria svelò: <<Durante l'istruttoria sul delitto Tumino, Roberto si è fatto ricevere dal sostituto procuratore Fera. Lo stesso sostituto ha detto a mio figlio che in un certo momento era stato disposto un provvedimento di fermo per lui e per altre quattro persone che era stato ritirato per riguardo a me>>. Fera smentì <<sdegnosamente>> la ricostruzione del presidente dello stesso Tribunale, ma dichiarò che Roberto Campria - poco prima di uccidere Spampinato - era stato avvicinato da <<persone sconosciute>> che gli avevano proposto di corrompere degli agenti della Guardia di finanza per evitare un pattugliamento nel tratto di costa individuato per lo sbarco clandestino di sigarette. Cosa che Campria confermò al maggiore della Guardia di finanza Carlo Calvano, ma con qualche particolare in più: le <<persone sconosciute>> diventarono <<una persona insospettabile>> (della quale non si è mai saputo il nome) e le sigarette di contrabbando (del valore 200 milioni di lire) provenivano da una nave jugoslava. Al figlio del magistrato sarebbero toccati 10 milioni di compenso. Secondo l'ufficiale delle Fiamme gialle, non era la prima volta che Roberto Campria veniva coinvolto in traffici loschi. In un'altra occasione <<gli era stato richiesto di trasportare una valigetta dietro un compenso così forte da indurlo a sospettare che si tratasse di droga, ma il giovane mi ha detto di avere rifiutato l'offerta>>. Ma la <<perla>> che lega il contesto politico al delitto Tumino è quest'ultima ammissione del figlio del magistrato: <<A volte il prezzo dei tabacchi di contrabbando veniva pagato mediante la consegna di oggetti d'arte>>.

Ucciso per ciò che avrebbe scritto.

Tutto quello che Spampinato aveva scritto affiorava copiosamente dalle testimonianze rese dopo il suo delitto da un sostituo procuratoe, da un presidente di Tribunale e da un ufficiale della Guardia di finanza. Dunque Giovanni aveva visto giusto. Uno dei magistrati siciliani più bravi di quegli anni, il pm Tommaso Auletta, su Spampinato disse: <<Un modello di intelletuale da cui lo stesso Campria era irresistibilmente attratto>>. E poi: <<Se non sono questi i compiti dei giornalisti, allora si possono abolire i giornali>>. La chiave del delitto, secondo Auletta, andava ricercata nella <<paura di Campria, il quale non ha sparato per tutto quello che Spampinato aveva scritto, ma per quanto non aveva ancora scritto sulle trame dei fascisti e sui pericolosi traffici nei quali erano coinvolti sia Tumino sia Campria. Il delitto è stato una prova di fedeltà a quel mondo>>.

Dopo essere stato condannato a 21 anni, la pena in appello per l'assassino di Spampinato fu ridotta a 14 da scontare nel manicomio criminale di Barcellona Pozzo di Gotto perché gli fu diagnosticata una menomazione del sistema nervoso. Agostino Fera fu promosso a dirigere la Procura, cosa che fa tuttora, malgrado le critiche che gli sono piovute addosso attraverso interrogazioni parlamentari o interviste: nel 2005 tre parlamentari di Rifondazione comunista ne avevano chiesto il trasferimento. Cosa di recente ribadita da Peppino Di Lello, componente della Commissione antimafia ed ex magistrato del pool di Palermo. Fera per tutta risposta ha annunciato una querela. Poi si è recato ai Lions di Ragusa dei quali è presidente. ( f.to Luciano Mirone)

Fatti conducenti, lumeggiati da Luciano Mirone con estremo rigore storico e professionale, ai quali ne va aggiunto un altro, quale possibile concausa che indusse il Campria ad assassinare Giovanni Spampinato, che, ne "L'Ora" del 29 maggio 1972, in relazione al delitto Tumino, scriveva "Il corso che hanno preso sin dall'inizio le indagini, invece di fugare i dubbi dell'opinione pubblica, li hanno rafforzati. Si è avuta l'impressione che si seguisse una sola pista, quella dell'antiquariato, trascurando tutte le altre (molti parlano di una questione di donne, una sorta di regolamento di conti per uno <<sgarbo>> mai digerito": la classica goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso; e giova ricordare che, in merito, sarebbero state esaustivamente confirmatorie le sommarie informazioni testimoniali rese dal Giornalista de "L'Ora" Francesco Nicastro il 3 gennaio 1973, all'allora g.i. Angelo Ventura, poi nominato procuratore della Repubblica di Gela, ma da sempre abitante a Ragusa dove da recente è deceduto, consocio dello stesso Lions club di Ragusa Host del Fera e suo intimo amico.

Sarebbe doveroso, da parte degli inquirenti, già in possesso di tanto materiale specifico, accertare chi era "la persona insospettabile" di cui Roberto Campria riferisce al maggiore della Guardia di Finanza Carlo Calvano, oltre a quanto denunziato con precisi riferimenti nell'esposto dei 46 firmatari, cui fa riferimento Luciano Mirone.

Infine, quanti si occupano a vario titolo del caso di malagiustizia, sappino che non è mai stato digerito dai ragusani e che oltre a "Gli insabbiati" del Dott. Mirone, potranno trovare in vendita nelle librerie le pubblicazioni "IL TRIANGOLO DELLA MORTE" sottotitolo "CAMPRIA - TUMINO - SPAMPINATO" del Dott. Gianni Bonina edito dalla Meridie; "Morte a Ragusa" sott."Il delitto Tumino, Giovanni Spampinato e le macchinazioni della legge" del Dott. Carlo Ruta, edito per la prima volta dalla Edi.bi.si. il 16.1.2005 e dello stesso autore "Ragusa sotto inchiesta" sott. "I poteri forti e l'omertà", edizioni le pietre del 23 maggio 2005, anche le ultime due in vendita, nonostante le reiterate richieste di sequestro del Fera alla Procura di Palermo, sede degli editori.

Emblematicamente si riproduce di seguito articolo apparso sul mensile regionale di cultura, politica e attualità "dialogo" di dicembre 2005, con redazione in Modica (RG.), sede di tribunale:

Biagio Spadaro.

 

Telefax: 0932-820060  —  cell.338.8388966 — posta elettronica:  passanitello@giustiziaesfatta.com