1-06-2008

Da fotogrammi del mio tempo

A mamà

A ripensarla sento profumo

di gelsomini e trilli di

mandolino-

Vestita di bianco, fasciata di

azzurro alla vita, su di un

letto che non pareva di morte!

Piangevo ancora, l'inverno

successivo -al suo ricordo-

e quasi godevo del mio pianto

quando imbabuccato nella

lisa mantellina bleu e

nel berrettino incerato ,

di notte, (quella notte di

freddo e di paura in cui

sentivo l'ululato degli

sciacalli che scendevano dal

gebel) arrancava per rag_

giungere la "baracca" in

campagna, chè avevo fatto

tardi-

"Oh balconcino, balconcin

fiorito" recitava l'endecasillabo

di un professore d'Italiano che

passando dai cappuccini si era

invaghito di lei.

Cara, cara fanciulla che

alla fine del secolo sognavi

carrozze trainate da ippo_

grifi e principi spumeggianti

e merlettati ; non ti

crucciare se questo sogno

sulla terra si è infranto-

come vedi pensando di te

io parlo di fiori, di musica,

di poesia!

 

Telefax: 0932-820060  —  cell.338.8388966 — posta elettronica:  passanitello@giustiziaesfatta.com